Accedi al sito
Serve aiuto?

Judo

IL JUDO (fonte sito ufficiale FIJLKAM)

I contatti tra i marinai italiani e quelli nipponici, consolidati al tempo della rivolta cinese dei Boxer (1900), favorirono la diffusione delle tecniche di jujitsu anche tra i nostri soldati, incuriositi e affascinati dal modo particolare di combattere all'arma bianca o a mani nude. Domata la rivolta xenofoba, l'Italia ottenne una concessione a Tientsin, allargando così i propri interessi in Estremo Oriente. Gli entusiastici commenti di civili e militari sulle virtù della lotta giapponese, soprattutto in vista di un suo impiego bellico, convinsero il Ministro della Marina Carlo Mirabello a organizzare un corso sperimentale. Ordinò quindi al capitano di vascello Carlo Maria Novellis di assumere un istruttore di jujitsu a bordo dell'incrociatore Marco Polo, che stazionava nelle acque della Cina.

Dopo molte ricerche Novellis trovò a Shanghai un insegnante che godeva la fiducia del console giapponese. Il 24 luglio 1906 venne pertanto stipulato un contratto di quattro mesi, tempo che il maestro giudicava «necessario e sufficiente per portare gli allievi ad un grado di capacità tale da renderli abili ad insegnare alla loro volta». Il corso si sarebbe svolto a bordo e al termine gli allievi migliori avrebbero sostenuto gli esami al Kodokan. In ottobre, infatti, i nostri marinai si sottoposero agli esami, ma il risultato fu decisamente negativo. La colpa era del maestro, commentarono al Kodokan: «Pur essendo abbastanza abile, non poteva insegnare ai suoi allievi più di quanto sapesse», cioè non molto, e quindi non aveva mentito assicurando «che in quattro mesi avrebbe portato gli allievi alla sua altezza». Si risolse dunque con una beffa la prima esperienza italiana nella lotta giapponese.

Nel nostro paese la prima dimostrazione di jujitsu eseguita da italiani ebbe luogo a Roma il 30 maggio 1908. Nell’incantevole scenario di villa Corsini, alle pendici del Gianicolo, «due abilissimi sottufficiali di marina diedero una dimostrazione della teoria e della pratica della lotta giapponese». Pochi giorni dopo, evidentemente incuriosito, Vittorio Emanuele III volle che l’esibizione fosse ripetuta nei giardini del Quirinale. Nonostante il buon esordio, il cammino del jujitsu fu lento e difficile. Infatti, se si eccettua qualche articolo o conferenza e i generosi tentativi del lottatore bresciano Umberto Cristini, della «Via della cedevolezza (o dell’adattabilità)» non si parlò davvero molto in Italia.

Sul finire del 1921, il capo cannoniere di prima classe Carlo Oletti (già imbarcato sull’incrociatore Vesuvio, che sostituì il Marco Polo in Estremo Oriente), fu chiamato a dirigere i corsi di jujitsu introdotti alla Scuola Centrale Militare di Educazione Fisica a Roma. La Scuola, istituita con R.D. 20 aprile 1920, ebbe sede nei locali del Tiro a Segno Nazionale alla Farnesina, segnalandosi subito all’attenzione generale.

Nella speranza di diffondere la disciplina, domenica 30 marzo 1924 i delegati di 28 società o gruppi sportivi civili e militari si riunirono per costituire la Federazione Jiu-Jitsuista Italiana, presieduta da Antonello Caprino, avvocato e alto funzionario comunale. Il primo articolo del regolamento tecnico federale riconosceva «quale metodo ufficiale di Jiu-Jitsu, sia per l’insegnamento che per la pratica, il metodo Kano». Il 20 e 21 giugno di quell’anno alla sala Flores in via Pompeo Magno si disputò il primo campionato italiano: il titolo assoluto fu vinto da Pierino Zerella, esperto di lotta greco-romana, mentre il titolo a squadre andò alla Legione Allievi Carabinieri di Roma.

Malgrado gli sforzi di pochi appassionati, il jujitsu si faceva largo assai lentamente tra il grande pubblico. Tra l’altro, dopo le edizioni del 1924, 1925 e 1926, i campionati italiani erano stati interrotti. E a nulla era servita, nel 1927, la trasformazione della FJJI in Federazione Italiana Lotta Giapponese sotto la guida del dinamico Giacinto Puglisi, presidente della S.S. Cristoforo Colombo. Ritenendo che la disciplina potesse fare un salto di qualità con una spettacolare manifestazione, il 7 luglio 1928 il quotidiano L’Impero organizzò con l’A.S. Trastevere una grande riunione di propaganda nella sala della Corporazione della Stampa in viale del Re. La manifestazione ebbe un buon successo grazie a due presenze non previste: la partecipazione dell’esperto judoka nipponico Mata-Katsu Mori, che si trovava a Roma in veste di pedagogo presso la famiglia del poeta Shimoi, e – soprattutto – l’intervento del Maestro Kano. Questi, venuto a conoscenza dell’iniziativa mentre era a Parigi, non volle mancare all’appuntamento.

Pochi giorni dopo la manifestazione a Trastevere si svolsero alla SCMEF i primi esami per l’attribuzione della qualifica di Maestro. Quindi, nel giugno 1929, si disputò a Roma il quarto campionato italiano. Ma il trasferimento di Oletti a La Spezia nel 1930, nonostante le manifestazioni caparbiamente organizzate dalla Colombo, raffreddò non poco gli entusiasmi. Nel febbraio 1931, per di più, la FILG venne sciolta e la sua attività inquadrata nella Federazione Atletica Italiana, provocando l’inesorabile declino del jujitsu.

Solo nel 1947 si ebbe una ripresa dell’attività con la nomina di una commissione tecnica presieduta da Alfonso Castelli, segretario generale della Federazione Italiana Atletica Pesante (già FAI). Il primo campionato nazionale del dopoguerra si disputò a Lanciano nei giorni 1 e 2 maggio 1948.

Il III Congresso della FIAP, tenuto a Genova il 16 e 17 ottobre 1948, approvò il nuovo statuto federale, che contemplava tra gli organi centrali il Gruppo Autonomo Lotta Giapponese (trasformato in Gruppo Autonomo Judo nel 1951). Sciolta la commissione tecnica, l’assemblea del GALG svoltasi a Roma il 14 novembre elesse presidente Aldo Torti e segretario Arnaldo Santarelli. Rintracciato dall’ex allievo Betti Berutto ad Angera, sul lago Maggiore, il 18 gennaio 1949 Oletti accettò la presidenza onoraria.

In occasione dell'Olimpiade del 1948, per iniziativa del Budokwai di Londra, fu convocata una conferenza internazionale presso il New Imperial College a South Kensington. Si decise la costituzione dell’Unione Europea di Judo, di cui fu eletto presidente l’inglese Trevor P. Legget, l’unico non giapponese graduato 5° dan. Il 29 ottobre 1949 si riunì a Bloemendaal, in Olanda, il II Congresso dell’UEJ, che approvò lo statuto e il regolamento tecnico, ripreso da quello del Kodokan. Torti ne divenne presidente, Castelli segretario e la sede venne trasferita a Roma. «Era la prima Federazione internazionale – anche se modesta – presieduta da un italiano e con sede in Italia, dopo la guerra» (A. Castelli). Davvero una grande soddisfazione dopo tanti momenti bui.

Il IV Congresso dell’UEJ si tenne a Londra il 2 luglio 1951 e diede vita alla Federazione Internazionale di Judo, che elesse Torti presidente e Castelli segretario. Nel settembre 1952, al congresso di Zurigo, la presidenza passò a Risei Kano e la sede si trasferì a Tokyo, ma Torti fu posto a capo della ricostituita UEJ. Il primo campionato europeo si disputò a Parigi nel 1951, il primo mondiale a Tokyo nel 1956.

Nel 1953 venne nel nostro paese il Maestro Noritomo Ken Otani, allora 5° dan (seguito nel 1956 da Tadashi Koikè), che contribuì in maniera decisiva allo sviluppo del judo in Italia.

Il judo maschile è stato incluso nel programma olimpico provvisoriamente nel 1964, definitivamente nel 1972; quello femminile provvisoriamente nel 1988 e definitivamente nel 1992.

LE PRINCIPALI VITTORIE

Olimpiadi (3 medaglie d'oro, 3 d'argento, 8 di bronzo) 

Medaglie d'oro: Ezio Gamba (1980), Giuseppe Maddaloni (2000), Giulia Quintavalle (2008);

Medaglie d'argento: Ezio Gamba (1984), Emanuela Pierantozzi (1992), Girolamo Giovinazzo (1996);

Medaglie di bronzo: Felice Mariani (1972), Alessandra Giungi (1988, sport dimostrativo), Ylenia Scapin (1996 e 2000), Girolamo Giovinazzo (2000), Emanuela Pierantozzi (2000), Lucia Morico (2004), Rosalba Forciniti (2012).

Campionati Mondiali (5 medaglie d'oro) – Margherita De Cal (1980), Maria Teresa Motta (1984), Emanuela Pierantozzi (1989 e 1991), Alessandra Giungi (1991).

Campionati Europei (24 medaglie d'oro) – Nicola Tempesta (1957 e 1961), Laura di Toma (1976, 1980 e 1983), Felice Mariani (1978, 1979 e 1980), Patrizia Montaguti (1980), Margherita De Cal (1980 e 1981), Ezio Gamba (1982), Maria Teresa Motta (1983), Alessandra Giungi (1988 e 1995), Emanuela Pierantozzi (1989 e 1992), Girolamo Giovinazzo (1994), Giuseppe Maddaloni (1998 e 1999), Cinzia Cavazzuti (2002), Lucia Morico (2003), Francesco Lepre (2004), Ylenia Scapin (2008).

Campionati Europei di Kata (31 medaglie d'oro)

Giochi del Mediterraneo (26 medaglie d'oro) – Giuseppe Vismara (1971), Alfredo Vismara (1971), Mario Daminelli (1975), Felice Mariani (1979 e 1983), Ezio Gamba (1983 e 1987), Yuri Fazi (1983), Girolamo Giovinazzo (1991, 1993 e 1997), Massimo Sulli (1991), Dario Romano (1997), Michele Monti (1997), Luigi Guido (1997), Emanuela Pierantozzi (1997), Roberto Meloni (2001), Denis Braidotti (2001), Cinzia Cavazzuti (2001), Ylenia Scapin (2001 e 2005), Lucia Morico (2001), Giuseppe Maddaloni (2005), Elio Verde (2009), Giovanni Di Cristo (2009), Elena Moretti (2009).

 

CORSO JUDO ADULTI 

MESE N.lezioni DATE                  
    Martedi Venerdi Martedi Venerdi Martedi Venerdi Martedi Venerdi Martedi Venerdi
Settembre 4 x x x x 17 20 24 27 x x
Ottobre 9 1 4 8 11 15 18 22 25 29 x
Novembre 8 x 1 festa 5 8 12 15 19 23 26 29
Dicembre 6 3 6 10 13 17 20 x x x x
totale n° lezioni 27                    

 

MESE N.lezioni DATE                  
    Martedi Venerdi Martedi Venerdi Martedi Venerdi Martedi Venerdi Martedi Venerdi
Gennaio 8 x x 7 10 14 17 21 24 28 31
Febbraio 8 4 7 11 14 18 21 24 28 x x
Marzo 8 4 7 11 14 18 21 25 28 x x
totale n° lezioni 24                    

 

MESE N.lezioni DATE                  
    Martedi Venerdi Martedi Venerdi Martedi Venerdi Martedi Venerdi Martedi Venerdi
Aprile 8 1 4 8 11 15 18 22 25 festa 29 x
Maggio 9 x 2 6 9 13 16 20 23 27 30
Giugno 4 3 6 10 13 x x x x x x
totale n° lezioni 21                    

COSTI:

mensile  Euro 42,00

trimestrale  Euro 115,00

semestrale  Euro 210,00

annuale  Euro 336,00

ORARI:   martedi dalle ore 19.30 alle ore 20.30

              venerdi dalle ore 19.45 alle ore 20.45

              sabato: solo per agonisti rsu richiesta del maestro 

 

CORSO JUDO BABY

MESE N.lezioni DATE                  
Primo periodo   Martedi Sabato Martedi Sabato Martedi Sabato Martedi Sabato Martedi Sabato
Settembre  2 x x x x x x x x 24 28
Ottobre 9 2 5 8 12 15 19 22 26 29 x
Novembre 9 x 2 5 9 12 16 19 23 26 30
Dicembre 6 3 7 10 14 17 21 x x x x
totale n° lezioni  26                    

 

MESE N.lezioni DATE                  
Secondo periodo   Martedi Sabato Martedi Sabato Martedi Sabato Martedi Sabato Martedi Sabato
Gennaio 7 x x 7 11 14 18 21 25 28 x
Febbraio 8 x 1 4 8 11 15 18 22 25 x
Marzo 8 x 1 4 8 festa 11 15 18 22 25 29
totale n. lezioni 23                    

 

MESE N.lezioni DATE                  
Terzo periodo   Martedi Sabato Martedi Sabato Martedi Sabato Martedi Sabato Martedi Sabato
Aprile 8 1 5 8 12 15 19 22 26 29 x
Maggio 9 x 3 6 10 13 17 20 24 27 31
Giugno 4 3 7 10 14 x x x x x x
totale n° lezioni 21                    

COSTI:

mensile  Euro 37,00

trimestrale  Euro 90,00

annnuale  Euro 240,00

ORARI:  Martedi dalle ore 18.30 alle ore 19.30

             Sabato dalle ore 17.00 alle ore 18.00